Caserecce Porri e Zafferano e ritornare alla semplicità

Questo periodo sono stata assente. Non ho scritto sul blog per vari motivi…
In questo momento la mia vita è giunta al culmine di un vortice di DiSORDINE, si è spezzata, e ora che ho compreso i motivi di tutta questa instabilità, sto raccogliendo i pezzi, per cercare di riordinare il possibile.
È un momento di evoluzione a cui devo dare la massima attenzione, la massima energia, e per fare questo metto un pò da parte alcune cose, tra cui il blog. Non che io non cucini, ho decine di ricette pronte e fotografate da postare, semplicemente mi manca lo slancio, mi mancano le parole, perchè so che anche quelle uscirebbero disordinate ora come ora.

Tuttavia mi sentivo in dovere di scrivere questo post per due motivi:

– punto primo devo ringraziare tantissimo il blog l’Alveare delle Delizie per aver decretato la mia ricetta Biscotti Spettrali alla Zucca vincitrice del contest su Halloween.
È stata una soddisfazione per me leggere quelle parole riguardo alla mia ricetta, parole che mi hanno dato sicurezza, soprattutto perchè in questo periodo mi sembrava di non essere nemmeno più capace di cucinare… Sembra poco ma sono state parole che mi hanno dato forza ed era doveroso fare loro un grande ringraziamento!

– punto secondo, qualche mese fa, il 17 Novembre, è stato il 1º ANNIVERSARIO del mio Blog!
A pensarci che un anno fa aprivo questo blog con il primo post Dolceamaro e, un pò imbarazzata, iniziavo a imbrattare questo spazio virtuale. E poi è venuto tutto da se, ricetta dopo ricetta, imparavo anche io tantissime cose, attenta, cercavo di migliorare.
Basta pensare che sono partita che avevo un telefono cellulare come macchina fotografica, invece ora mi segue nel mio percorso una favolosa Canon!
È stato un percorso in salita, di soddisfazioni, di sfide, di nuove amicizie, di nuove scoperte e, perchè no, anche di qualche kg in più, un percorso che non avrei intrapreso se non avessi avuto persone vicine che credevano in me.
Uso quindi questo post anche per fare un rullo di tamburi e dire “Tanti Auguri Blog!!”.

Tuttavia non voglio lasciarvi a bocca asciutta e ho qui una ricetta perfetta per questo mio periodo complicato, una ricetta dai sapori semplici ma decisi, una ricetta che riscalda il cuore o, per lo meno, ha riscaldato il mio: Caserecce Biologiche Porri e Zafferano.

IMG_9093Ingredienti (per 2 persone):
– 160 gr di Caserecce Biologiche Pasta Toscana
– 2 porri bio
– 8/9 pistilli di zafferano bio
– un filo di olio evo bio Hispellium Terre Rosse
– un cucchiaio di panna vegetale di soia
– un mazzetto di prezzemolo
– sale e pepe a piacere

In una casseruola fare appassire il porro (porzione bianca e in parte anche la porzione verde), tagliato a rondelle non troppo sottili, con un filo d’olio.
Intanto portare a ebollizione l’acqua per la pasta salare e versare le Caserecce.
Prelevare un mestolo dell’acqua di cottura e immergervi per cinque minuti lo zafferano.
Trascorsi i cinque minuti versare lo zafferano con la sua acqua nella casseruola dove ormai il porro sarà ben appassito.
Tritare il prezzemolo e aggiungerne una parte.
Quando l’acqua dello zafferano si sarà ritirata quasi completamente, unire un cucchiaio di panna vegetale quindi la restante parte del prezzemolo.
Salare e pepare a piacere
Scolare la pasta e farla saltare nella casseruola. Servire ben caldo, magari con una spolverata di noce moscata.

IMG_9097
È un sugo dell’ultimo minuto, fatto con ingredienti semplici ma di effetto che vi consiglio di procurarvi biologici o per lo meno di qualitá evitando, se possibile, le bustine macinate di zafferano e preferendo al loro posto i veri pistilli.
A tal proposito spendo alcune parole su un ortaggio invernale favoloso, il porro.
Come tutti gli ortaggi, sono ricchi di vitamine e sali minerali che in questo periodo sono utilissimi per combattere influenze e raffreddori. Anche se contengono proporzionalmente meno sostanze nutritive di quelle presenti nell’aglio, sono ugualmente in possesso di una notevole quantità di famosi anti-ossidanti come il disolfuro diallile, il trisolfuro di diallile, disolfuro di allile e propile. Questi composti vengono convertiti in allicina per reazione enzimatica quando il porro viene schiacciato, tritato o tagliato.

IMG_9086
Studi di laboratorio dimostrano che l’allicina riduce la produzione di colesterolo inibendo uno specifico enzima nelle cellule epatiche. L’allicina ha dimostrate proprietà anti-batteriche, anti-virali e anti-fungine.
Riduce la rigidità dei vasi sanguigni e genera una riduzione totale della pressione sanguigna. Blocca anche la formazione di piastrine (coaguli) e svolge un’azione fibrinolitica nei vasi sanguigni, aiutando a ridurre il rischio generale di malattia coronarica, malattia vascolare periferica e ictus.
Quindi il porro risulta un ottimo alleato in cucina, da scegliere al posto della cipolla soprattutto per chi, non gradendo i sapori forti di questa, ne fa di solito a meno in cucina.

IMG_9089

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s