Torta Angelica Vegan

Freddo! Ho così tanto freddo che oggi non sono nemmeno riuscita a mettere il nasino fuori di casa per far la spesa, e così i miei progetti di bavarese ai marron glacè sono andati in fumo.
Non mi arrendo, nel week end si sa, il dolce non può certo mancare e mi sarei dovuta arrangiare con gli avanzi nella dispensa: 7 amaretti, delle mandorle affettate e mezza confezione di uvetta…
Fortuna vuole che ieri sera al telefono mia madre mi fa “ho visto una torta fatta con la pasta madre che sembra buonissima, Angelica”, così sono andata a cercare questa “celestiale” torta, scoprendo che più che altro sembra un pan brioche ma con una bellissima forma intrecciata e soprattutto con il vantaggio di poter essere farcita a proprio piacimento!
In rete troverete molte versioni di questa ricetta, io ho fatto le mie modifiche personali, primo fra tutte renderla in tutto e per tutto Vegan.

20130526-153346.jpgIngredienti:
– 150 gr di pasta madre rinfrescata la sera precedente
– 150 gr di latte di soia
– 30 gr di olio di semi di soia
– 100 gr di zucchero di canna integrale Dulcita
– 1 pizzico di sale integrale fino
– 150 gr di farina di grano tenero 00
– 150 gr di farina di farro integrale
– 50 gr di farina di tapioca (o maizena)
– un cucchiaino di cannella
– 2 cucchiai di yogurt di soia
– mezzo cucchiaino di estratto di vaniglia

Per farcire:
– 7 amaretti sbriciolati
– 30 gr di mandorle a fette
– un cucchiaio di zucchero di canna integrale
– 60 gr di uvetta ammorbidita in acqua calda aromatizzata con Amaretto di Saronno
– 1 cucchiaio di malto sciolto in pochissima acqua

Sciogliere lo zucchero nel latte di soia abbastanza tiepidino e aggiungere l’olio, la cannella, la vaniglia, lo yogurt e la pasta madre a pezzetti.
Unire poco alla volta le farine setacciate con il sale.
Il mio consiglio è quello di fare un impasto morbido, ma abbastanza lavorabile non appiccicoso. Impastare bene e molto a lungo, come quando si fa il pane.
Formare una palla e far lievitare in un luogo caldo per almeno 4 ore.
Successivamente riprendere l’impasto e delicatamente stenderlo sulla spianatoia lasciando un lato più lungo, più o meno deve essere un rettangolone.
Spennellare con il malto sciolto nell’acqua e spargere lo zucchero quindi guarnire con uvetta, mandorle e amaretti.
Arrotolare il tutto e tagliare per lungo usando un coltellone infarinato.
A questo punto conviene mettere la carta forno sotto, altrimenti risulta difficile trasportarlo nella teglia. Incrociare le 2 parti come se fosse una treccia e dare una forma circolare.
Lasciare lievitare fino al raddoppio (2-3 ore).
Cuocere a 180° per 30 minuti circa.

20130526-153408.jpgDavvero un profumo “angelico” quello che si è diffuso per tutta la casa durante la cottura!

20130526-153418.jpgUno degli ingredienti che più amo usare nella preparazione dei dolci è sicuramente l’Uvetta Sultanina.
Chiamata anche uva passa o uvetta, l’uva sultanina è una varietà di vite europea,
il frutto di una particolare varietà della “Vitis vinifera” usata prevalentemente per produrre uva essiccata. Questo perché si presta bene a questo scopo, essendo priva
di semi e ricca di zuccheri
.
L’uva era tradizionalmente importata nei paesi anglosassoni dai territori dell’impero ottomano, da cui il collegamento del nome dell’uva con la figura del sultano.
In base alla tradizione dell’Impero Ottomano, il nome dell’uva fu inventato dopo che il sultano fu costretto a lasciare esposta al sole l’uva per sfuggire ad un attacco di una tigre, da cui derivò il nome sultana.
Lascio le proprietá e i benefici di questa frutta secca alla prossimo ricetta visto che ne vorrei parlare meglio.

20130526-153445.jpgCon questa ricetta partecipo al contest Forno che passione

20130526-091146.jpg
Al contest Risveglio al B&B perchè i profumi della cannella, l’uva passa e le mandorle sono d’obbligo in un B&B 🙂

20130526-091302.jpg
Al contest Ricette da Pic Nic

20130526-091535.jpg
E al Cibo me lo porto in giro: i Dolci

20130526-091618.jpg

Advertisements

8 responses to “Torta Angelica Vegan

  1. grazie mia cara! pubblicato tutto anche su fb. se mi mandi il tuo indirizzo mail ti invito su pinterest a presto V.

  2. Pingback: deliziandovi » Il pic-nic: contest!·

  3. Inserita anche nel mio contest , grazie per aver evocato deliziosi profumi!Ciao, Vivi.

  4. Pingback: CONTEST: Forno... Che passione! | La forchetta nel brodo·

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s