Strudel integrale all’ananas

Perché si dice che l’ANANAS bruci i grassi? Io a dir la veritá l’ho scoperto oggi dopo tanto tempo e ne é venuto fuori che le cose non stanno proprio così…
Questo frutto è ricco di zuccheri da qui il sapore molto dolce, mentre la parte interna centrale, quella più chiara che la maggior parte delle persone tende a eliminare per dare la tipica forma “con il buco” è detta Gambo ed è ricca di fibre e di enzimi di cui la bromelina è la più importante.

20121209-013010.jpg
La bromelina, non è una singola sostanza ma l’insieme di vari enzimi, è talmente efficace, farmacologicamente parlando, perchè capace di scindere le proteine rendendole più facilmente assimilabili, cioè digeribili, e per questo motivo che viene consigliato in caso di dispepsie o difficoltà digestive dovuto a carenze enzimatiche gastriche o pancreatiche.

Non solo, l’ananas (sempre il gambo) ha ottime proprietà diuretiche che ne fanno un ottimo rimedio utilizzato in medicina e destinato a facilitare il ricambio e a risolvere problemi di ritenzione idrica: esso viene infatti consigliato in caso di cellulite poiché, oltre a svolgere un’efficace azione drenante, aiuta il riassorbimento del gonfiore inoltre è qui che i suoi enzimi, bromelina compresa, esplicano la loro azione scindendo le fibre proteiche che strutturano il tessuto cellulitico, cosa che favorisce la rimozione e mobilitazione dei depositi di grasso (ecco l’arcano!).
Contiene inoltre principi attivi ad azione fibrinolitica i quali, andando ad agire a livello dei vasi sanguigni, riducono la vasodilatazione e l’eccessiva permeabilità dei capillari, situazioni che possono determinare infiammazioni o dolori localizzati.

20121209-013015.jpg

Quindi ricapitolando é un ottimo digestivo, diuretico e antinfiammatorio perfetto fine-pasto soprattutto se questo é molto abbondante come l’annuale Pranzo di Natale!
Eh sì! Tutta la famiglia riunita, tanto tempo che non ci si vede, tavolate e tavolate di cibo che sembra non finire mai! Si inizia con gli antipasti e poi il primo, il piatto particolare-bio cucinato da me e mia madre che fa sempre torcere il naso a tutti perché non é “classico”, quindi l’altro primo, ecco che esce una nuova teglia dal forno, noi che diciamo alla zia di mettere via l’arrosto perchè siamo strapieni…e potrei andare avanti per ore! Alle 15:00 circa tutti i piatti sono stati lavati, la tavola è stata sparecchiata ed è il momento del tanto atteso Panettone o “colui-che-dà-la-botta-finale” e che al solo profumo solleva cori di pietà dal povero stomaco (purtoppo per il mio non ho mai pietá di lui!).

E allora con tutta questa nuova cultura che mi sono fatta sull’ananas perchè non metterla in pratica preparando un dolce natalizio alternativo? Magari un pò più leggero, una versione tutta DOLCE ma con lo stesso spirito fatto di zucchero e cannella che ricorda tanto il Natale…lo Strudel, naturalmente all’ananas!

20121209-013030.jpg
Ingredienti (per la pasta):
– 120 gr di farina di avena
– 150 gr di farina integrale (più quella necessaria a stendere la pasta)
– 30 gr di burro light o olio evo
– 1 bustina di vanillina
– 1 uovo
– 6 cucchiai di acqua tiepida
– 1 cucchiaio di zucchero di canna scuro
– 1 pizzico di sale

Mettete tutti gli ingredienti in una ciotola capiente e mescolateli tra loro fino a che non formate una palla ben omogenea che metterete, avvolta nella pellicola trasparente, a riposare in frigo per un’ora.

Ingredienti (per il ripieno):
– 1/2 ananas medio pulito e tagliato a cubetti (non buttate via il gambo!)
– 30 gr di pinoli
– 30 gr di uvetta
– 1/2 cucchiaino di cannella
– 30 gr di zucchero di canna
– 6 gocce di Tic (o altri 30 gr di zucchero di canna)
– 20 gr di burro
– la scorza grattuggiata di 2 mandarini
– 3 cucchiai di pangrattato

Mettere in una ciotola l’ananas, i pinoli e l’uvetta precedentemente ammorbidita in un mix di acqua calda e un bicchierino di rum (se lo avete, altrimenti solo acqua calda).
Aggiungete lo zucchero/Tic, la cannella e la scorza dei mandarini.
Mescolate tutto bene e lasciate riposare per 30 minuti in modo che i sapori si possano mischiare e fondere tra loro.

20121209-013020.jpg
A questo punto stendete la pasta in modo molto sottile avendo cura di darle una forma rettangolare.
Distribuite sopra il ripieno in maniera omogenea lasciando i due bordi liberi in modo da poter chiudere facilmente il nostro strudel senza che l’impasto ne fuoriesca.
Prima di arrotolare spargete a fiocchetti i 20 gr di burro previsti sopra il ripieno e spolverate con il pangrattato, quindi chiudete.
Disponete lo strudel sulla placca del forno (ricoperta con un foglio di carta forno) con la chiusura rivolta verso il basso.

Ora avete tre opzioni:
– fate uno sciroppo leggero di acqua e zucchero
– fate sciogliere altri 20 gr di burro
– sbattete un uovo
Qualsiasi sia la vostra scelta dovrete usare il composto ottenuto per spennellare il vostro strudel prima di infornare e ri-spennellare a metà cottura. 😀

Infornate lo strudel in forno caldo a 190° per 20 minuti, quindi spennellatelo ancora e continuate la cottura per altri 20-25 minuti.

20121209-101339.jpg
Con questa ricetta partecipo al contest di Dolci a go go Dolci sotto il vischio nella categoria Dolci italiani.

20121201-160204.jpg

Buon appetito e… non fateci indigestione 😉

20121209-014049.jpg

Advertisements

4 responses to “Strudel integrale all’ananas

  1. Bravissima irene, la ricetta dello strudel all’ananas è eccezionale, articolo completo, info interessanti, foto finalmente curate, veramente ben fatto. Ottimo lavoro decisamente un grande miglioramento rispetto ai precedenti.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s